Siglato il Nuovo Dpcm ed integrato il Protocollo Sicurezza

384 Views

Il premier Giuseppe Conte, dopo il confronto con Regioni ed Enti locali, ha sottoscritto nella serata del 26 aprile il nuovo DPCM contenente le misure della Fase 2 sull’allentamento del lockdown e le riaperture delle aziende.

Dal 4 maggio sarà pertanto consentito riaprire ad una platea maggiore di aziende rispetto a quelle attivate dai provvedimenti antecedenti. Sarà inoltre consentito preparare la ripartenza con «attività propedeutiche» a partire dal 27 aprile. Tutti i protocolli per la sicurezza anti-contagio da coronavirus siglati o aggiornati in questi giorni con le parti sociali vengono allegati al nuovo DPCM, diventando parte integrante delle nuove regole.

La nuova versione del “ Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro fra il governo e le parti sociali” aggiornata al 24 aprile, tiene conto dei più recenti provvedimenti del Governo e del Ministero della Salute e, pur confermando tutti i punti del precedente “ Protocollo condiviso”, aggiunge nuove disposizioni, tra le principali:

  • Sospensione delle attività in carenza di sicurezza.
  • Al rientro nelle aree di lavoro, obbligatoria la sanificazione straordinaria di ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni.
  • Il lavoro a distanza continua ad essere favorito anche nella fase di progressiva riattivazione del lavoro in quanto utile e modulabile strumento di prevenzione.
  • Nel caso in cui un lavoratore abbia sintomi riconducibili al Covid 19, deve essere posto in isolamento, deve essere subito dotato ove già non lo fosse, di mascherina chirurgica.
  • Il medico competente potrà suggerire l’adozione di eventuali mezzi diagnostici qualora ritenuti utili al fine del contenimento della diffusione del virus e della salute dei lavoratori.
  • Identificazione dei soggetti “fragili”
  • Nel caso di assenza di comitati aziendali, verrà istituito un Comitato Territoriale composto dagli Organismi Paritetici per la salute e la sicurezza, laddove costituiti, con il coinvolgimento degli RLST e dei rappresentanti delle parti sociali.

Per saperne di più sulle modalità di adeguamento al nuovo protocollo, vi invitiamo a seguire il nostro webinar “Gli adempimenti per la riapertura della tua impresa?”