Fino a 150 mila euro per le imprese che investono nei comuni emiliano-romagnoli colpiti dal sisma 2012

23 Views

La Regione Emilia-Romagna intende agevolare nel rispetto delle identità e delle vocazioni dei territori colpiti dal sisma, processi di insediamento, riqualificazione e ammodernamento di attività d’impresa, professionali e no profit al fine di:

  • favorire il ripopolamento e la rivitalizzazione delle aree dei centri storici e delle frazioni e/o di altre aree dei Comuni dell’Emilia-Romagna più colpiti dagli eventi sismici accaduti nel maggio del 2012
  • preservare il senso di comunità e promuovere il ritorno a normali condizioni di vita sociale ed economica attraverso la realizzazione di interventi orientati alla sostenibilità economica, ambientale e sociale 

Beneficiari

Il bando si rivolge alle imprese, alle attività professionalialle associazioni, fondazioni ed enti no profit con sede nei comuni colpiti dal sisma del 2012.

Aree Ammissibili 

Bologna: Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto

Ferrara:Bondeno, Cento, Ferrara, Terre del Reno – Mirabello – Sant’Agostino – San Carlo, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda

Modena:Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sul Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, san Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera

Reggio Emilia:Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo

Investimento minimo

L’investimento minimo ammissibile è pari ad € 10.000 iva esclusa.

Tipologia e misura del contributo

Contributo a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ritenute ammissibili. Il contributo può aumentare del 10% nel caso di rilevanza della presenza femminile e/o giovanile o nel caso di possesso del rating di legalità.
Il contributo massimo concedibile non può superare i 150.000 €.

Le risorse stanziate sul bando ammontano complessivamente a 35 milioni di euro

Progetti ammissibili

I progetti devono prevedere interventi aventi ad oggetto l’insediamento e/o la riqualificazione, l’ammodernamento e/o l’ampliamento delle attività d’impresa, professionali e/o no profit, che prevedano l’accesso diretto al pubblico, in immobili localizzati nelle aree dei centri storici, delle frazioni e/o di altre aree dei comuni indicati nel bando, che abbiano come obiettivo prioritario quello di aumentare l’attrattività dei luoghi e l’aumento dei flussi di persone verso le aree stesse.

Inizio dei progetti

I progetti ammessi a finanziamento possono essere avviati a partire dalla data del 1° novembre 2019

La data di inizio dei progetti coincide con l’assunzione del primo impegno giuridicamente vincolante (es. accettazione del preventivo) e nel caso di opere edili con la data di inizio di avvio del cantiere.

Termine dei progetti

I progetti ammessi a finanziamento devono essere conclusi entro 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del relativo contributo

Ai sensi del presente bando la data di conclusione dei progetti coincide con la data di pagamento dell’ultima fattura relativa al progetto.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili ai sensi del presente bando, che devono essere pertinenti e funzionali all’esercizio dell’attività, sono le seguenti:

  1. spese per opere edili, murarie e impiantistichestrettamente collegate al progetto. Tale spesa è riconosciuta nella misura massima di € 8.000,00 per i progetti presentati dai liberi professionisti indicati nell’articolo 12; 
  2. acquisto di arredi. Tale spesa è riconosciuta nella misura massima di € 6.000,00 per i progetti presentati dai liberi professionisti indicati nell’articolo 12; 
  3. acquisto di impianti strettamente connessi all’esercizio dell’attività, di beni strumentali e di attrezzature
  4. acquisto di hardware, software, licenze per l’utilizzo di software, servizi di cloud computing
  5. spese per la realizzazione di siti internet ed e-commerce
  6. spese per l’acquisto e installazione di impianti per la ricarica di mezzi elettriciad uso gratuito da parte dell’utenza che accede al centro storico, alla frazione e/o all’area ammissibile; 
  7. spese per l’acquisto di mezzi di trasporto diversi da quelli identificabili come beni mobili iscritti in pubblici registriai sensi dell’articolo 815 del codice civile (mezzi targati), quali ad esempio: biciclette,biciclette a pedalata assistita, cargo bike, ecc; 
  8. spese promozionalicorrelate all’investimento o all’attività nella misura massima del 15% della somma delle voci precedenti; 
  9. acquisizioni di servizi di consulenza specializzataper la realizzazione del progetto, compresi i costi per la progettazione,direzione lavori e collaudo relativi alle opere edili, murarie e impiantistiche nonché i costi per la presentazione della domandadi contributo alla Regione nel limite massimo del 10% della somma delle voci precedenti. 

Note: 

Lettera a): tra le spese previste in tale lettera sono ricomprese quelle relative agli impianti elettrici, agli impianti di riscaldamento e di raffrescamento. 

Lettera c): in caso di acquisto di elettrodomestici, sono ammessi solo quelli aventi classe energetica A+ o superiore. 

Lettera f): Qualora l’installazione degli impianti per la ricarica di mezzi elettrici sia effettuato in un’area di proprietà pubblica o di terzi il proponente la domanda dovrà dimostrare di essere autorizzato o di aver fatto richiesta ad effettuare la suddetta installazione per un periodo non inferiore a 3 anni decorrenti dalla data di liquidazione del contributo.  

Lettera i) Le spese non devono essere quelle riferite a consulenze continuative e/o periodiche connesse ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità che rappresentano i costi di esercizio ordinari a carico del richiedente

Presentazione domanda

La domanda di contributo dovrà essere compilata ed inviata alla Regione esclusivamente per via telematica.


La domanda di contributo dovrà essere presentata, pena la non ammissibilità delle stessa, all’interno della 3 finestra prevista dal bando:

  • 3°  finestra, dalle ore 10.00 del giorno 1 giugno 2020, alle ore 13.00 del giorno 30 giugno 2020
Open chat