Nuove Imprese Categorie Protette

278 Views

Domande dal 25 gennaio 2022. Fondo perduto fino a 75.000 euro.

La regione Emilia-Romagna nell’ambito del programma annuale del “Fondo regionale persone con disabilità” – rende disponibili misure di sostegno per l’avvio di nuove imprese che vedono la presenza maggioritaria di persone con disabilità, sia come lavoratori dipendenti sia come soci lavoratori, in tutte le forme giuridiche previste dalla Legge n. 142/2001, al fine di ampliare le opportunità occupazionali.

La dotazione finanziaria messa complessivamente a disposizione è pari a 2.500.000 euro.

Beneficiari

Micro, Piccole e Medie Imprese

Ulteriori requisiti

  • essere regolarmente costituite da non più di 12 mesi alla data della richiesta dell’incentivo;
  • realizzare la propria attività in almeno un’unità locale ubicata nel territorio dell’Emilia-Romagna;
  • essere attive e non essere sottoposte a procedure di liquidazione (anche volontaria), fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali in corso o prima della data di presentazione della richiesta;
  • avere la maggioranza dei propri dipendenti alla data della richiesta dell’incentivo costituita da persone con disabilità di cui alla Legge n.68/1999 e successive modifiche.

È requisito di ammissibilità sostanziale per accedere agli incentivi la configurazione di una nuova impresa e non costituzione societaria a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda, fusione o scissione societaria.

Esclusioni

Sono escluse dall’accesso agli incentivi le unità produttive e le imprese parte di un gruppo ai sensi dell’art. 31 Dlgs n.276/2003 la cui eccedenza di lavoratori aventi diritto al collocamento mirato rispetto agli obblighi di legge venga portata a compenso del minor numero di lavoratori assunti nelle altre unità produttive o nelle altre imprese del gruppo aventi sede in Italia ai sensi dell’art. 5 c. 8 della L. n.68/99.

Sono inoltre escluse dall’accesso alle richieste degli incentivi le imprese i cui investimenti oggetto della richiesta di incentivo sono riconducibili al settore della produzione agricola, della pesca, dell’acquacoltura come risultanti dal Registro delle imprese presso la Camera di Commercio.

Spese ammissibili

Le spese devono essere riferite a un’unità locale situata nel territorio dell’Emilia-Romagna regolarmente censita presso la CCIAA di competenza.

Sono ammissibili le spese sostenute per:

  • l’acquisto o locazione/leasing di macchinari, attrezzature, impianti
  • l’affitto/noleggio di laboratori e attrezzature
  • spese di costituzione, consulenze esterne specialistiche 

In caso di ratei di locazione/leasing/affitto/noleggio, le spese devono riferirsi al periodo intercorrente tra la data di costituzione dell’impresa e i 18 mesi successivi.

Ai fini del riconoscimento dell’ammissibilità delle spese per l’accesso agli incentivi, l’emissione delle relative fatture, note di addebito o altri documenti contabili equivalenti fiscalmente validi, dovrà avvenire nel periodo intercorrente tra la data di costituzione dell’impresa e i 18 mesi successivi

Esclusioni

Non sono ammesse spese relative ai costi indiretti (ad esempio utenze, pulizie, manutenzioni…) e ai costi sostenuti per beni e impianti non strettamente necessari all’avvio dell’impresa e alla conseguente messa sul mercato di prodotti/servizi. 

Agevolazione

Contributo a fondo perduto pari al 80% delle spese effettivamente sostenute, fino ad un massimo di 75.000,00 euro.

Presentazione domande 

Le domande potranno essere presentate telematicamente dal 25 gennaio 2022  al 30 giugno 2022 salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.