Misure anti-Covid esercizi commerciali, attenzione alle sanzioni

481 Views

La Guardia di Finanza ha redatto un prontuario in cui sono individuate le condotte illegittimi e le sanzioni oggi previste per le attività commerciali che non rispettano le misure anti-contagio.

All’interno del prontuario sono sinteticamente descritte le fattispecie di illecito contestabili alle persone fisiche, alle attività commerciali e, infine, quelle relative all’ingresso nel territorio nazionale e sono altresì indicati ulteriori elementi quali la fonte (statale, comunale, regionale ecc…), l’importo della misura ridotta della pena pecuniaria, il destinatario dei proventi e le sanzioni accessorie.

Trassi di un elenco che potrà essere soggetto ad aggiornamento a seguito del mutamento della situazione emergenziale attualmente in corso. Inoltre, andrà integrato anche con altre sopravvenute fattispecie, come ad esempio quelle varate nella regione Piemonte ad opera del decreto del Presidente della regione n. 111 del 20 ottobre 2020 (noto alle cronache perché ha disposto la chiusura dei centri commerciali nei giorni di sabato e domenica), anch’esse assistite da sanzione amministrativa (secondo quanto previsto dall’articolo 4, comma 1, del D.L. n. 19/2020, convertito con l. n. 35/2020).

Elenco Illeciti contestabili alle attività commerciali

  • inottemperanza all’obbligo, per le attività di sale giochi, sale scommessee sale bingo, di svolgimento dell’attività dalle ore 8:00 alle ore 21:00;
  • inottemperanza all’obbligo, per le attività commerciali al dettaglio di svolgersi a condizione dell’assicurazione che, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, gli ingressi avvengano in modo dilazionato e venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni; le suddette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio;
  • inottemperanza all’obbligo di svolgere attività dei servizi di ristorazione(fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) dalle ore 5:00 alle ore 24:00 con consumo al tavolo, fino ad un massimo di 6 persone per tavolo. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione con asporto fino alle ore 24:00;
  • inottemperanza al divieto di svolgere attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) oltre le ore 18:00 in assenza di consumo al tavolo. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio e la ristorazione con asporto fino alle ore 24:00;
  • inottemperanza all’obbligo di sospensione di attività che abbiano luogo in sale da balloe discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso. Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti.

Le Sanzioni applicabili a fronte degli illeciti riscontrati

Il quadro delle sanzioni è delineato dall’art. 4 del D.L. n. 19/2020.

  • Somma pecuniaria

Il mancato rispetto delle misure di contenimento anti-covid è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 1000 euro che in caso di prima violazione potrà essere ridotta ad € 280 mentre in caso di reiterazione della violazione essa verrà raddoppiata. La reiterazione comporta il raddoppio anche della sanzione pecuniaria applicata nella misura piena.

  • Chiusura dell’attività

Per le attività commerciali è prevista la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

 

Consulta il prontuario violazioni Emergenza Covid-19 della Guardia di Finanza aggiornato al 19 ottobre 2020.