Bologna: Mamme Imprenditrici

255 Views

Domande dal 13 settembre 2021. Contributo a fondo perduto fino a 12.500 euro.

La Camera di Commercio di Bologna mette a disposizione € 200.000 per contributi a fondo perduto a favore delle imprese, con sede legale e/o unità locali operative nell’area metropolitana (ex provincia) di Bologna, amministrate da donne con figli nati tra il 1/1/2021 ed il giorno di invio della domanda, al fine di sostenere le spese necessarie per conciliare tempi di vita e di lavoro e non abbandonare l’attività imprenditoriale.

Beneficiari

Per donne imprenditrici ai fini del presente contributo si intendono: 

·      le titolari di impresa individuale

·      le socie amministratrici di società di persone

·      le legali rappresentanti o consigliere delegate di società di capitali.

Possono partecipare al bando: 

Le microimprese, le piccole e le medie imprese:

  • con sede con sede legale e/o unità locale nell’area metropolitana di Bologna,
  • iscritte al Registro Imprese (o al REA in caso di unità locali) della Camera di Commercio di Bologna amministrate da una donna imprenditrice, in base alla definizione di cui sopra
  • che abbia un figlio/a nato/a tra il 1/1/2021 ed il giorno di presentazione della domanda di contributo e che svolga il proprio ruolo imprenditoriale presso la sede o unità locale dell’impresa ubicata nell’area metropolitana di Bologna
  • in regola nel pagamento del diritto annuale dovuto alla CCIAA di Bologna 
  • non essere sottoposte a procedure concorsuali o liquidazione, o trovarsi in stato di difficoltà
  • essere in regola in merito alla posizione contributiva INPS ed INAIL 
  • non essere fornitori di beni e servizi a favore della Camera di Commercio I.A.A. di Bologna, 

Le imprese dovranno possedere i requisiti in modo continuativo dalla data di domanda fino all’erogazione del contributo. L’eventuale perdita in itinere dei requisiti (ad esempio: cessione o affitto d’azienda, cessazione attività, messa in liquidazione, avvio di procedure fallimentari/liquidazione giudiziale o cancellazione dell’impresa) non consentirà l’erogazione del contributo. 

L’impresa beneficiaria si obbliga a mantenere la sede legale e/o operativa nell’area metropolitana (ex provincia) di Bologna per un periodo di almeno 2 anni dalla data di erogazione del contributo. 

Spese Ammissibili

Sono ammesse a contributo esclusivamente le seguenti spese (al netto dell’IVA), già sostenute tra il 1/1/2021 e la data di invio della domanda, o che l’impresa prevede di sostenere entro il 31/12/2021, allegando idonei preventivi o contratti: 

  • Inserimento in azienda di risorse umane – Spese sostenute dall’impresa per implementare l’organico presso la sede o unità locale ubicata nell’area metropolitana (ex provincia) di Bologna e far fronte alla minore presenza in azienda della donna imprenditrice. Per implementazione dell’organico si intendono le assunzioni a tempo determinato o indeterminato effettuate per far fronte alla minor presenza nel periodo di maternità e nel primo anno di vita del bambino, considerando il costo al lordo degli oneri fiscali e previdenziali riferito a tale periodo e comunque all’interno dell’arco temporale tra il 1/1/2021 e ed il 31/12/2021; 
  • Nuova organizzazione d’impresa e del lavoro – Spese sostenute dall’impresa per attivare una postazione di telelavoro/smart working presso l’abitazione della donna imprenditrice, al fine di consentirle di svolgere le proprie funzioni anche da casa e meglio conciliare l’accudimento del/della figlio/a con la prosecuzione dell’attività imprenditoriale. In questo caso le spese ammesse sono: acquisto computer fisso o portatile o netbook o ultrabook, stampante e scanner, contratto di attivazione di collegamento internet ad alta velocità, fatture periodiche utenze collegamento internet. Sono ammesse le spese fatturate dai fornitori e pagate dall’impresa tra il 1/1/2021 ed il 31/12/2021; 
  • Inserimento di figure professionali – Spese sostenute dall’impresa per acquisire le prestazioni di un temporary manager che possa sostituire o integrare l’apporto lavorativo della donna imprenditrice, affinché questa possa meglio dedicarsi alla cura del figlio/a. Sono ammesse le spese fatturate dal temporary manager e pagate dall’impresa tra il 1/1/2021 ed il 31/12/2021; 
  • Formazione delle competenze per gestire l’attività di impresa – Spese sostenute dall’impresa per azioni di formazione per la crescita delle competenze in tema di smart working o per la crescita delle competenze digitali strategiche (marketing digitale, nuovi canali commerciali on line), sia per l’imprenditrice che per il personale. 

sono altresì ammesse a contributo le seguenti spese, già sostenute tra il 1/1/2021 e la data di invio della domanda, o che si prevede di sostenere entro il 31/12/2021:

  • Spese sostenute direttamente dalla donna imprenditrice con risorse personali per servizi di asilo nido, baby sitter o baby parking. Il costo viene ammesso al lordo dell’Iva, ove prevista. Il contributo su tali spese viene formalmente assegnato all’impresa, che però assume l’impegno in sede di domanda di riversare alla donna imprenditrice che le ha materialmente sostenute (fatturate/addebitate e pagate) tra il 1/1/2021 ed il 31/12/2021. Si precisa che il contributo su tali spese, sommato alle detrazioni e contributi riconosciuti da altri soggetti con risorse pubbliche sulle stesse spese, non potrà superare l’ammontare di queste ultime. 

Per quest’ultime spese sono ammessi pagamenti in contanti sino ad un massimo di € 3.000.

Per essere ammessi al contributo i progetti devono prevedere un investimento minimo di euro 2.000,00. 

Esclusioni

  • soci, amministratori, sindaci e dipendenti dell’impresa richiedente il contributo, nonché dal coniuge o parenti entro il secondo grado dei soggetti richiamati, ad esclusione delle prestazioni lavorative rese da soci con contratto di lavoro e senza cariche sociali;
  • imprese collegate e controllate ai sensi dell’art. 2359 del Codice Civile all’impresa richiedente il contributo e relativi, soci, amministratori, sindaci e dipendenti. 

Agevolazione

Contributo a fondo perduto nella misura del 50% sino ad un massimo di 12.500 euro.

Presentazione domande

Le domande possono essere presentate esclusivamente in modalità telematica dal 13 settembre 2021 all’11 ottobre luglio 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura a sportello valutativa secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.