Imprese turistiche ricettive

147 Views

Domande dal 9 maggio al 30 settembre 2022. Contributo a fondo perduto fino al 60% delle spese.

L’azione punta a migliorare la qualità dell’offerta ricettiva e dei servizi turistici (es. ristorazione, bar, attività di supporto al cicloturismo), al fine di migliorare e incrementare l’attrattività e la fruizione del territorio.

Beneficiari

  • le ditte individuali;
  • le società (di persone, di capitale, cooperative e consortili) e i consorzi definiti come micro e piccole imprese ai sensi del Regolamento UE n. 1305/2013 e del Decreto del Ministero delle Attività Produttive 18 aprile 2005: “Adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione di piccole e medie imprese” (G.U. 12 ottobre 2005 – in recepimento della Raccomandazione 2003/361/CE); 

Requisiti

Sono ammissibili i beneficiari indicati al precedente paragrafo 3 che, al momento della presentazione della domanda di contributo: 

  • presentino interventi da realizzare in territorio Leader del GAL del DUCATO (Elenco All.A);
  • siano regolarmente iscritti all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione validata, aggiornata nell’anno solare di presentazione dell’istanza e fascicolo anagrafico formalmente corretto in gestione digitale e conforme ai contenuti dell’Allegato “A” alla determinazione n. 19019 del 28 novembre 2016, così come integrata con determinazione n. 3219 del 3 marzo 2017, determinazione n. 3211 del 23 febbraio 2021 e determinazione 23619 del 10 dicembre 2021.
  • siano iscritti nel registro delle imprese o REA presso le CCIAA competenti per territorio e in attività; 
  • l’impresa dovrà avere una posizione previdenziale regolare (regolarità contributiva) e rispettare le condizioni stabilite dai contratti collettivi nazionali e territoriali di lavoro per il personale dipendente. I requisiti saranno verificati mediante il DURC .
  • siano operanti nei settori della ricettività (ai sensi del Titolo II della L.R. 16/2004 e s.m.i) e possiedano come codice ATECO (ATECO 2007 Classificazione delle attività economiche – aggiornato al 2018) primario, uno dei seguenti: 

I ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 

55 ALLOGGIO

  • 55.10.00 Alberghi
  • 55.20.20 Ostelli della gioventù
  • 55.20.30 Rifugi di montagna
  • 55.20.40 Colonie montane
  • 55.20.51 Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence 

Non sono ammessi come beneficiari i gestori di Bed & Breakfast, di appartamenti ad uso turistico, ecc. per i quali non è prevista l’iscrizione alla Camera di commercio e l’apertura di partita IVA ai sensi della L.R.16 del 28/07/2004. 

  • 55.30.00  Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte 

56 ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE 

  • 56.10.11 Ristorazione con somministrazione 
  • 56.30.00 Bar e altri esercizi simili senza cucina 

Spese ammissibili

  • Opere murarie e impiantistiche necessarie all’adeguamento, miglioramento e/o rinnovo di strutture; 
  • Acquisto di nuovi macchinari e/o attrezzature per cucina e bar; 
  • Acquisto di nuovi arredi; 
  • Acquisto di nuovi arredi e attrezzature per aree esterne contigue alle strutture turistiche (es. panchine e tavolini, sedie, sdraio, ombrelloni, strutture per dehors esterni, stufe “fungo” riscaldanti per esterno, fioriere da esterno, giochi fissi per bambini, attrezzature fisse per ginnastica/fitness da esterno, tende sospese ed altri alloggi da esterno, ecc.); 
  • Software e attrezzature informatiche funzionali alla raccolta delle ordinazioni; 
  • Impianti di video sorveglianza; 
  • Acquisto di biciclette (anche e-bike, o a pedalata assistita) e veicoli/minivan per cicloturismo strettamente funzionali all’attività e ad uso esclusivo e non promiscuo; 
  • Spese generali quali onorari di professionisti/consulenti e studi di fattibilità nel limite massimo del 10% delle spese di investimento (come da art. 45 comma 2 lettera c) del Reg (UE) 1305/2013. 

Le spese devono essere realizzate successivamente alla data di presentazione della domanda.

I progetti devono realizzarsi entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo. 

  • Spesa minima ammissibile: 10.000 euro
  • Spesa massima ammissibile: 80.000 euro

Agevolazione

Il contributo in conto capitale è pari: 

al 40% per microimprese comprese le ditte individuali e PMI in forma singola o associata, elevabile al 60% qualora ricorra almeno una delle seguenti condizioni: 

  • progetti presentati da giovani imprenditori 
  • interventi in zone soggette a vincoli naturali o altri vincoli specifici di cui all’art. 32 del reg. 1305/2013 
  • investimenti collettivi. (Per investimenti collettivi si intendono progetti presentati da forme aggregate di imprese i cui benefici ricadono su tutti i soci). 

Presentazione domande

Le domande potranno essere presentate dal 9 maggio 2022 al 30 settemre2022.

La procedura di selezione dei progetti proposti sarà di tipo valutativo a graduatoria.