Fondi Starter ed Energia, più tempo per la presentazione delle domande

9 Views

C’è tempo fino al 16 dicembre 2019 per presentare domanda di contributo del Fondo Starter e del Fondo Energia, i due strumenti finanziari di credito agevolato del Por Fesr 2014-2020 finalizzati a incentivare l’economia a basso impatto ambientale e sostenere la nascita di nuove imprese. E’ stata infatti prorogata la finestra di presentazione delle domande di accesso ai fondi. caratterizzati da una compartecipazione pubblica al 70% a tasso zero e privata, bancaria, al 30% a tassi convenzionati e agevolati, gestiti dalla Regione tramite Unifidi, Consorzio unitario di garanzia Emilia-Romagna.

Fondo Starter

Il Fondo Starter è destinato a favorire la nascita di nuove imprese e a sostenere la crescita di quelle con un massimo di 5 anni di attività. Si tratta di un fondo rotativo di finanza agevolata a compartecipazione privata, che finanzia progetti attraverso la concessione di mutui di importo fino a € 300mila, durata massima 96 mesi, a tasso zero per il 70% dell’importo ammesso, e ad un tasso convenzionato non superiore all’Euribor 6 mesi +4,75% per il restante 30%.

mesi +4,75% per il restante 30%.

I progetti agevolabili sono quelli volti a:

  • innovazione produttiva e di servizio;
  • sviluppo organizzativo;
  • messa a punto dei prodotti e servizi che presentino potenzialità concrete di sviluppo;
  • consolidamento e creazione di nuova occupazione sulla base di piani industriali;
  • introduzione ed uso efficace di strumenti ICT, nelle forme di servizi e soluzioni avanzate, con acquisti di soluzioni customizzate di software e tecnologie innovative per la manifattura digitale.

Fondo Energia

Il Fondo Energia è rivolto alle imprese e alle energy service company che puntano allo sviluppo sostenibile. Nel dettaglio, la misura finanzia interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e di autoproduzione di energia da fonti rinnovabili. Il Fondo Finanzia progetti attraverso la concessione di mutui di importo fino a € 750mila, durata massima 96 mesi, a tasso zero per il 70% dell’importo ammesso, e ad un tasso convenzionato non superiore all’Euribor 6 mesi +4,75% per il restante 30%.

I progetti agevolabili sono quelli volti a:

  • migliorare l’efficienza energetica ed ridurre i gas climalteranti;
  • produzione di energia da fonti rinnovabili, esclusivamente per autoconsumo, nonché gli impianti di cogenerazione ad alto rendimento, ai sensi della Direttiva 2012/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio.

Il Fondo concede anche un contributo a fondo perduto per coprire le spese tecniche sostenute per diagnosi energetica, studio di fattibilità, e/o la preparazione del progetto di investimento.

Per le domande di entrambi i Fondi si possono visitare i portali dedicati:

Open chat