Edicole, contributi a fondo perduto da Governo e Regione Emilia-Romagna

515 Views

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 240 del 28 settembre 2020) il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 agosto 2020 recante le disposizioni applicative relativamente al sostegno economico per gli oneri straordinari sostenuti per lo svolgimento dell’attività durante l’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del Covid -19 con riferimento alle attività di vendita al dettaglio di giornali.

Beneficiari

Persone fisiche:

  • non titolari di redditi da lavoro dipendente o pensione
  • che esercitano l’attività di rivendita esclusiva di giornali e riviste, con l’indicazione nel registro delle imprese del codice di classificazione ATECO 47.62.10, quale codice di attività primario
  • che esercitano l’attività di cui al punto precedente in forma di impresa individuale, ovvero da persona fisica quale socio titolare dell’attività nell’ambito di società di persone (non sono ammesse altre forme societarie es. società di capitali)
  • la cui sede legale dell’attività è ubicata in uno Stato dell’Unione europea o nello Spazio economico europeo

Contributo

Contributo una tantum a fondo perduto dell’importo di € 500.

Nel caso in cui le richieste siano superiori alle risorse stanziate sarà effettuato un riparto proporzionale tra tutti i soggetti aventi diritto.

Presentazione della domanda 

La domanda dovrà essere inoltrata esclusivamente per via telematica, al Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri nel periodo compreso fra il 1 ottobre 2020 e il 30 ottobre 2020.

Bonus Emilia- Romagna 

Per le attività che hanno percepito il bonus del governo di cui al decreto legge 19 maggio 2020 la Regione Emilia-Romagna riconoscerà in automatico un ulteriore contributo a fondo perduto fino a € 1.000.

I fondi pari a € 500.000 sono già stati stanziati dalla Giunta regionale e nelle prossime settimane il progetto di legge approderà in Assemblea legislativa regionale e successivamente in Aula per la definitiva approvazione.