Dal GAL del Ducato agevolazioni economiche per le attività dell’appenino parmense e piacentino

528 Views

Al fine di sostenere il turismo dell’Appennino parmense e piacentino il GAL del Ducato ha pubblicato tre bandi che erogano finanziamenti a fondo perduto per un importo di quasi un milione di euro.

IMPRESE TURISTICHE RICETTIVE

Beneficiari:

  • imprese individuali;
  • le società (di persone, di capitale, cooperative e consortili) e i consorzi definiti come micro e piccole imprese

Tali soggetti devono inoltre:

  • presentare interventi da realizzare in territorio Leder del GAL del Ducato (clicca qui per vedere l’elenco dei Comuni)
  • essere iscritti Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione debitamente validata e fascicolo dematerializzato
  • essere in regola con la posizione contributiva
  • non essere identificabili come imprese in difficoltà
  • non trovarsi in stato di fallimento e/o liquidazione anche volontaria
  • essere iscritti nel registro delle imprese o REA presso le CCIAA competenti per territorio e in attività
  • operanti nei settori della ricettività (ai sensi del Titolo II della L.R. 16/2004 e s.m.i) e con codice primario ATECO (ATECO 2007 Classificazione delle attività economiche – aggiornato al 2018), uno dei seguenti:

 ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE

55 ALLOGGIO

  • 10.00 Alberghi
  • 20.20 Ostelli della gioventù
  • 20.30 Rifugi di montagna
  • 20.40 Colonie montane
  • 20.51 Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast,    residence (** Vd. nota)
  • 30.00 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte

56 ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

  • 10.11 Ristorazione con somministrazione
  • 30.00 Bar e altri esercizi simili senza cucina

(**) Non sono ammessi come beneficiari i gestori di Bed & Breakfast, di appartamenti ad uso turistico, ecc. per i quali non è prevista l’iscrizione alla Camera di commercio e l’apertura di partita IVA ai sensi della L.R.16 del 28/07/2004.

Contributo

  • 40% per a) microimprese, comprese le ditte individuali, e b) PMI in forma singola o associata
  • elevabile al 60% qualora sussista almeno una delle seguenti condizioni:
    • progetti presentati da giovani con età non superiore a 40;
    • interventi in zone soggette a vincoli naturali o altri vincoli specifici;
    • investimenti collettivi. (Per investimenti collettivi si intendono progetti presentati da forme aggregate di imprese i cui benefici ricadono su tutti i soci).

Spese ammissibili

Spesa minima: € 10.000,00

Spesa massima: € 80.000,00.

Interventi ammissibili

  • Opere edili, murarie e impiantistiche necessarie all’adeguamento/miglioramento/riqualificazione o rinnovo di strutture;
  • Acquisto di nuovi macchinari e/o attrezzature per cucina e bar;
  • Acquisto di nuovi arredi;
  • Acquisto di nuove attrezzature per aree esterne contigue alle strutture turistiche (es. panchine e tavolini per esterno, giochi fissi per bambini, attrezzature fisse per ginnastica/fitness da esterno, ecc.);
  • Acquisto di biciclette (anche e-bike, o a pedalata assistita) e veicoli/minivan per cicloturismo strettamente funzionali all’attività e ad uso esclusivo e non promiscuo;
  • Spese generali nel limite massimo del 10% delle spese ammissibili (come da art. 45 comma 2 lettera c) del Reg (UE) 1305/2013).

Realizzazione progetti

I progetti devono realizzarsi entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo.

Presentazione delle domande

Entro il 30 giugno 2020 ore 17.00.

NUOVE OPPORTUNITA’ PER VIVERE IL BOSCO

Beneficiari:

  • le imprese (ditte individuali e società di persone, di capitale, cooperative e consortili) e i consorzi definiti come
    micro e piccole imprese;
  • le organizzazioni dei beni comuni comunque denominati (es. proprietà collettive, comunalie e comunelli).

Spese ammissibili

Spesa minima ammissibile: Euro 10.000,00

Spesa massima ammissibile: Euro 50.000,00.

Entità del contributo

  • 100% per le organizzazioni dei beni comuni comunque denominati;
  • 40% per a) microimprese, comprese le ditte individuali, e b) PMI in forma singola o associata
  • elevabile al 60% qualora sussista almeno una delle seguenti condizioni:
    • progetti presentati da giovani con età non superiore a 40;
    • interventi in zone soggette a vincoli naturali o altri vincoli specifici;
    • investimenti collettivi. (Per investimenti collettivi si intendono progetti presentati da forme aggregate di imprese i cui benefici ricadono su tutti i soci).

Interventi ammissibili

  • Opere murarie e impiantistiche necessarie all’adeguamento/miglioramento di centri ricreativi, di accoglienza e
    ristoro, inclusi quelli di autosufficienza energetica;
  • Realizzazione di percorsi, sentieri, circuiti e itinerari turistico-ricreativi attrezzati e di piccole infrastrutture di servizio (ponticelli, parcheggi, aree pic-nic, aree gioco, fontane, postazioni per fotografia naturalistica, ecc.).
  • Acquisto ed installazione di attrezzature (nuove), segnaletica e cartellonistica;
  • Acquisto e installazione di strutture prefabbricate (strutture in legno prefabbricate ad uso “deposito attrezzi” di limitate dimensioni, senza scarichi e non stabilmente infisse al suolo, casette in legno su alberi e tende a terra e su alberi);
  • Realizzazione di nuovi siti web;
  • Realizzazione di app e di altri strumenti ITC atti a monitorare accessi e frequentazioni dei boschi;
  • Progettazione e realizzazione di materiali di informazione e di promozione;
  • Spese generali nel limite massimo del 10% delle spese ammissibili.

N.B. Gli interventi di valorizzazione dovranno realizzarsi su aree forestali in disponibilità (proprietà o possesso) e potranno interessare anche aree non boscate intervallate al bosco al fine di assicurarne la continuità funzionale.

Presentazione delle domande

Entro il 30 giugno 2020 ore 17.00.

PROMOZIONE E MARKETING DELL’APPENNINO PARMENSE E PIACENTINO

Beneficiari

  • Comuni 

Spesa minima ammissibile: Euro 10.000,00

Spesa massima ammissibile: Euro 30.000,00.

Interventi ammissibili

  • Acquisto di attrezzature dedicate anche ad uso temporaneo (es. tensostrutture, stand, maxischermi anche per cinema all’aperto, materiale e attrezzature per allestire mostre – escluse le opere d’arte, impianti audio e luci, sedie e tavoli, palchi e passerelle, ecc.).

Entita’ del contributo

100% delle spese ammissibili sino ad un massimo di 30.000 euro.

Presentazione della domanda

Entro il 31 luglio 2020 ore 17.00