Credito d’imposta per sanificazione, dpi e adeguamento luoghi di lavoro

505 Views

Con la Circolare numero 20/E del 10 luglio 2020 l’Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per beneficiare dei crediti d’imposta introdotti dal Decreto Rilancio ed in particolare per spese relative a sanificazione, dispositivi di protezione individuale e adeguamento dei luoghi degli ambienti di lavoro.

Chi può beneficiare del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di DPI?

Possono beneficiare del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione i soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni, enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti indipendentemente dal regime fiscale adottato, ed in particolare:

  • imprenditori individuali e società in nome collettivo e in accomandita semplice che producono reddito d’impresa indipendentemente dal regime contabile adottato;
  • enti e società indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b), del TUIR;
  • stabili organizzazioni di soggetti non residenti di cui alla lettera d), del
  • comma 1, dell’articolo 73 del TUIR;
  • persone fisiche e associazioni di cui all’articolo 5, comma 3, lettera c), del TUIR che esercitano arti e professioni, producendo reddito di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 53 del TUIR.
  • enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore;
  • enti religiosi civilmente riconosciuti.

Qual’è il periodo entro cui devono essere effettuate le spese?

Le spese devono essere sostenute dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2020.

Qual’è la misura del credito?

Il credito d’imposta non può superare la somma di euro 60.000 per beneficiario nel limite complessivo del plafond annuale disponibili pari ad euro 2020.

Il credito sarà riconosciuto nella misura del 60% delle spese ammissibili sostenute laddove l’ammontate complessivo sia uguale o inferiore a 100 mila euro.

Come e quando può essere inviata la richiesta?

Le spese ammissibili al credito d’imposta dovranno essere inviate in modalità telematica tramite la compilazione dell’apposito modello messo a disposizione dall’ADE.

La comunicazione delle spese per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione potrà essere inviata, invece, dal 20 luglio al 7 settembre 2020.

Chi può beneficiare del credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

I soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione in luoghi aperti al pubblico, le associazioni, le fondazioni e gli altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore indipendentemente dal regime fiscale adottato.

Qual’è l’ammontare del credito?

Viene riconosciuto un credito d’imposta pari al 60% delle spese ammissibili sostenute nel 2020 per un massimo di 80.000 euro dunque, l’ammontare del credito non può superare il limite di 48.000 euro.

Entro quale termine va presentata la domanda e con quali modalità?

La Comunicazione delle spese per l’adeguamento degli ambienti di lavoro può essere inviata dal 20 luglio 2020 al 30 novembre 2021.

Le spese ammissibili al credito di imposta dovranno essere inviate esclusivamente con l’apposito servizio web presente nell’area riservata del sito internet o tramite i canali telematici dell’Agenzia, e riceverà risposta entro cinque giorni.

 

Scarica il Modulo