Reggio Emilia: Contributi a Fondo Perduto per le Imprese del Centro Storico

150 Views

Il Comune di Reggio Emilia a seguito dello stato di emergenza ha stanziato 100.000€ a favore delle imprese aventi attività nel centro storico colpite dalle misure restrittive per il contrasto della pandemia. Beneficiar

Attività del centro storico ricomprese nell’esagono tra Viale Isonzo, Viale Piave, Viale dei Mille e nello specifico:

  • esercizi di somministrazione di alimenti e bevande
  • gelaterie e pasticcerie 

Tali attività devono poi:

a) essere nate negli anni 2019-2020 

oppure

b) operare in locali in affitto 

Ulteriori requisiti richiesti

Possono accedere ai contributi le imprese attive alla data di scadenza dell’avviso pubblico e alla data di liquidazionedel contributo in possesso dei seguenti requisiti:

  • Essere regolarmente iscritte alla Camera di Commercio di Reggio Emilia 
  • Essere in regola con il rispetto delle disposizioni in materia di assicurazione sociale e previdenziale e con i versamenti contributivi, nonché con il rispetto delle disposizioni previste in materia di sicurezza e salute dei lavoratori; 
  • Non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coatta, liquidazione volontaria, concordato preventivo ovvero in ogni altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali, né avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni nei propri confronti; 
  • Essere in regola con il pagamento di tributi e tasse locali, ivi compreso il canone per l’Occupazione e il Suolo Pubblico (COSAP); 
  • Dichiarare l’assenza nel locale di apparecchi di cui all’art 110 comma 6 del TULPS approvate con Regio Decreto 773/1931;
  • essere in possesso dei requisiti morali previsti dall’art. 71 commi 1,2,3 e 4 del D.Lgs. 59/2010 e degli articoli 11 e 92 del R.D. n. 773/31; 
  • l’insussistenza di cause di divieto, di decadenza o sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs. 159/2011 (c.d. legge antimafia);
    in caso di società, i requisiti di cui ai punti 6) e 7 ) devono essere posseduti anche dai soggetti aventi poteri di rappresentanza;
  • di essere in regola con la normativa in merito agli aiuti di stato e in materia di regime de minimis di cui all’art. 6 del presente avviso

Esclusioni

Relativamente alle attività sopra indicate sono comunque escluse le attività che:

  • hanno operato trasferimenti di sede e/o variazioni di ragione sociale
  • che operano in locali concessi in locazione dal Comune e che fruiscono delle riduzioni dei canoni previste dai provvedimenti comunali
  • la cui attività di somministrazione alimenti e bevande sia accessoria alla/e attività principali

Agevolazione

Il contributo è erogato una tantum nella forma di contributo a fondo perduto e in quota uguale per tutte le imprese aventi diritto. 

Il contributo sarà erogato nel modo seguente:

Per le imprese di cui alla lettera a) il contributo non potrà superare l’importo di € 2.500.

Per le imprese di cui alla lettera b) il contributo non potrà superare l’importo di € 500.

Nel caso in cui le domande presentate non esauriscano l’importo stanziato nelle due fattispecie, la somma totale residua verrà suddivisa in parti uguali tra tutti gli aventi diritto delle due fattispecie soprariportate.

Presentazione delle domande

Le domande potranno essere presentate in modalità telematica a partire dal 30 dicembre e sino alle ore 12 del 30 gennaio 2021.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il nostro Ufficio Bandi scrivendo a: ufficiobandi@conflavoro.re.it.

Open chat