Reggio Emilia: Bando voucher digitali I4.0

935 Views

La Camera di Commercio di Reggio Emilia, al fine di stimolare ulteriormente la diffusione della cultura digitale tra le imprese del territorio, ha indetto la seconda edizione del Bando PID per l’anno 2018 con uno stanziamento di € 150.000,00 per l’erogazione di contributi sotto forma di voucher di importo pari a € 10.000 per spese di consulenza e formazione finalizzate all’introduzione delle tecnologie digitali I4.0 e per investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici strettamente connessi al progetto di digitalizzazione aziendale I4.0.
Ciascuna impresa può presentare una sola richiesta di contributo e la domanda telematica è da presentare dal 29 ottobre 2018 al 15 novembre 2018. L’ammissione a contributo avverrà secondo una procedura valutativa a graduatoria in base all’ ordine cronologico di presentazione della domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono finanziabili (al netto di IVA e di altre imposte, tasse e diritti) le seguenti spese, sostenute a partire dal 01/10/2018  e fino al 29/03/2019  (data fattura e data pagamento ) riconducibili agli interventi previsti dal bando e precisamente:

  • servizi di consulenza inerenti una o più tecnologie previste all’art. 2 del Bando ed erogati dai fornitori descritti all’art. 6.  I servizi di consulenza non devono essere continuativi o con cadenza periodica e devono esulare dai costi di esercizio ordinari dell’impresa;
  • formazione, esclusivamente riferita a una o più tecnologie tra quelle previste all’art.2, incluse le spese di iscrizione al percorso formativo e quelle relative al materiali didattico fornito dall’ente erogatore (in sede di rendicontazione dovrà essere fornita la dichiarazione di fine corso e copia dell’attestato di frequenza  pari almeno all’80% del monte ore complessivo);
  • acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici  strettamente connessi al progetto di digitalizzazione aziendale nel limite massimo del 50% del totale della spesaprevista dall’impresa (il progetto quindi deve prevedere obbligatoriamente spese per la consulenza e/o per la formazione

L’investimento minimo ritenuto ammissibile all’agevolazione non può essere inferiore a € 4.000,00

STANZIAMENTO/AGEVOLAZIONI PREVISTE

150.000,00 euro

Gli aiuti  sono concessi in applicazione delle disposizioni previste dal regime comunitario “de minimis” così come definito dalla Comunità Europea ai  sensi dei Regolamenti n. 1407/2013  e n. 1408/2013.

L’intensità dell’agevolazione è pari al 50% dei costi sostenuti e ammissibili al netto di IVA, fino al raggiungimento dell’importo massimo di contributo pari a € 10.000,00 oltre la premialità di € 250,00 relativa al rating di legalità.

Entro 45 giorni dalla data di comunicazione della concessione, i soggetti beneficiari sono tenuti alla compilazione del modello di self-assessment digitale disponibile on-line attraverso il portale PID all’indirizzo www.puntoimpresadigitale.it

Ciascuna impresa può presentare una sola richiesta di contributo
I “fornitori” non possono accedere ai benefici del bando

TIPOLOGIE DEGLI INTERVENTI/SERVIZI OFFERTI

I contributi a fondo perduto (voucher) verranno assegnati a fronte della realizzazione di progetti di innovazione tecnologica indirizzati all’introduzione delle tecnologie di cui all’art.2, comma 3 del bando PID2-18 in attuazione della strategia Impresa 4.0 e precisamente:

  • soluzioni per la manifattura avanzata
  • manifattura additiva
  • realtà aumentata e virtual reality
  • integrazione verticale e orizzontale
  • Industrial Internet e IoT
  • cybersicurezza e business continuity
  • Big data e analytics
  • Soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della supply chain e della gestione delle relazioni con i diversi attori (es. sistemi che abilitano soluzioni di Drop Shipping, di “azzeramento di magazzino” e di “just in time”)
  • Software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-impresa, impresa-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field; incluse attività connesse a sistemi informativi e gestionali – ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, etc.- e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc)
  • sistemi di e-commerce
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet
  • sistemi EDI, electronic data interchange
  • tecnologie per l’in-store customer experience
  • system integration applicata all’automazione dei processi