Ravenna, dalla Camera di Commercio sino a 5.000 € per la sicurezza delle MPMI

101 Views

La Camera di Commercio di Ravenna intende sostenere le imprese locali che hanno sostenuto oneri per la sicurezza a causa dell’emergenza Covid-19.

L’agevolazione prevede contributi per azioni di investimenti in informazione/formazione finalizzate alla crescita delle competenze in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, anche in riferimento alle indicazioni post emergenza.

Beneficiari

  • siano Micro o Piccole o Medie imprese con sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Ravenna (le Ul dovranno risultare iscritte al Registro Imprese della Camera di commercio di Ravenna a far data da almeno 12 mesi prima della data di presentazione della domanda di contributo. Saranno escluse le Ul classificate come magazzino o deposito);
  • siano attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese e con il pagamento del diritto annuale;
  • non si trovassero in difficoltà alla data del 31 dicembre 2019;
  • abbiano assolto gli obblighi contributivi (DURC) e siano in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni e integrazioni;

Spese ammesse

  • Servizi di consulenza per assicurare l’attivazione e il mantenimento delle nuove procedure di sicurezza sanitaria nelle imprese, comprese attrezzature e dispositivi necessari (es. impianti, attrezzature, sanificazione degli ambienti, degli strumenti e degli indumenti, dispositivi di protezione individuale, divisori in plexiglass, dispositivi per la misurazione della temperatura corporea, dispositivi contapersone, servizi di vigilanza, test sierologici, ecc.) e per l’aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi e della ulteriore documentazione di cui al D. Lgs. 81/2008
  • Realizzazione di materiali informativi, sia digitali (ad es. totem digitali) che fisici (ad es. pannelli e cartelli in forex, piantane in metallo), per introdurre e/o aggiornare la segnaletica inerente le prescrizioni normative e sanitarie
  • Servizi di consulenza per innovare l’organizzazione e la gestione del lavoro e dei processi;
  • Azioni di formazione del personale per la sicurezza e per la crescita di competenze strategiche post emergenza (es. strategie commercializzazione, vendita online, ecc…)

Sono ammesse a contributo le spese sopra indicate, al netto dell’IVA che siano integralmente fatturate e pagate tra il 1 febbraio 2020 e il giorno di invio della domanda di contributo.

Spesa minima ammissibile: € 1.000 (iva esclusa)

Entità e tipologia del contributo

Contributo a fondo perduto nella misura del 60% e sino ad un massimo di € 5.000.

Presentazione e Valutazione delle Domande

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica dal 21 settembre 2020 al 9 ottobre 2020 salvo chiusura anticipata dello sportello per esaurimento fondi.

La valutazione delle domande avverrà secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

Open chat