3.000 a fondo perduto € per la messa in sicurezza delle imprese piacentine

43 Views

La Camera di commercio di Piacenza ha approvato il “Bando per la concessione di contributi per la ripresa in sicurezza delle attività economiche, nel quadro della emergenza sanitaria COVID-19”.

In particolare l’Ente camerale intende fornire un supporto concreto alle piccole imprese che sostengono costi per garantire la ripartenza o la prosecuzione in sicurezza delle rispettive attività economiche, a seguito del blocco cagionato dalle misure di prevenzione della diffusione del coronavirus.

Beneficiari

Le imprese operanti in tutti i settori economici e aventi sede o unità locale nel territorio piacentino che abbiano non più di 10 dipendenti e un fatturato non superiore a 1.500.000 euro (riferito all’anno 2019).

Interventi ammissibili

Sono agevolabili gli interventi finalizzati alla messa in sicurezza dei locali dove si svolge l’attività di impresa (unità locale o sede), funzionali alla prevenzione ed alla esclusione del rischio di contagio del virus Covid-19.

Tipologia di Spese ammissibili

  1. a) acquisto, installazione e posa in opera di impianti, attrezzatture e dispositivi che consentano di riattivare e di proseguire l’attività aziendale con la garanzia di adeguati livelli di protezione dei lavoratori e dei clienti (ad es: sistemi o dispositivi di controllo della temperatura corporea, sistemi o dispositivi per regolare e controllare i flussi di ingresso, transito e uscita dei lavoratori e dei clienti).
  2. b) Spese per interventi di igienizzazione e/o sanificazione degli ambienti, degli strumenti e degli indumenti di lavoro (sistemi, impianti e attrezzature per la sanificazione e la disinfestazione dei locali aziendali, tunnel per la sanificazione, dispositivi per la protezione individuale ecc.).
  3. c) Acquisto di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare/sanificare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro;
  4. d) Acquisto di soluzioni disinfettanti (ad es. soluzioni idroalcoliche o a base di cloro per pulizia mani) per l’igiene di dipendenti e collaboratori nonché in genere di tutti i soggetti terzi che a vario titolo frequentano i locali aziendali dove si svolge l’attività di impresa (clienti, fornitori ecc.).
  5. e) Acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione al contagio e a garantire la distanza di sicurezza interpersonale (a titolo esemplificativo e non esaustivo: mascherine, guanti, visiere protettive, divisori in plexiglass….).
  6. f) Spese per servizi di sicurezza (ad es. agenzia di vigilanza che mette a disposizione personale) per un controllo fisico degli accessi da parte del pubblico o di altri soggetti terzi che accedono ai locali aziendali dove si svolge l’attività di impresa (fornitori, clienti…).

Termini e quantificazioni delle spese ammissibili

Le iniziative per le quali si chiede il contributo dovranno riferirsi ad interventi realizzati tra il 23 febbraio 2020 ed il 31 ottobre 2020 purchè in tempo utile per predisporre la domanda di contributo.

Spesa minima ammissibile: uguale o superiore ad euro 1.500,00 (al netto dell’Iva e di eventuali altre imposte) relativamente alle sole spese considerate ammissibili

Tipologia ed entità del contributo

L’agevolazione viene erogata in forma di contributo a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ammissibili (sempre al netto dell’IVA e di eventuali altre imposte), fino all’importo massimo di euro 3.000,00.

Presentazione della domanda

Le domande dovranno essere presentate in modalità telematica dal 16 giugno 2020 al 31 ottobre 2020.

 L’assegnazione del contributo avviene in base all’ordine cronologico di ricezione delle domande fino ad esaurimento del plafond disponibile.

La Camera di commercio si riserva la possibilità di ampliare la dotazione finanziaria del bando qualora si rendessero disponibili ulteriori risorse ovvero, di disporre la chiusura anticipata del bando stesso in caso di esaurimento del fondo

 

Open chat